Sanremo specchio d’Italia

 








di M.L. – Sanremo è finito, ma la scia che ogni volta rimane alle spalle continua. Come un fiume che si ritira, lascia detriti di ogni tipo e anche quest’anno sembra aver ispirato oltre che abitanti perenni della tv, falliti della prima e ultima ora e cricche di giornalisti sempre uguali, attenti a notare come vengono in camera, e critici (magari usciti dalla naftalina), anche recensori e pseudo tali, radical chic e sapientoni, intellettualoidi con piglio saccente e bastan contrari per partito preso, fan di Albano contro fan di Ermal Meta, fan dell’indie e fan della musica nazional popolare, fan dei talent e fan di Tale e…
Leggi l’intero articolo su: http://www.clapbands.com/2017/02/di-sanremo-si-muore.html

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.