Bubblemath e il capolavoro Edit Peptide recensione

 

Il folle quintetto che nasce a Minneapolis negli anni novanta, pubblica “Edit Peptide”, secondo imperdibile album.

Recensione:

Immaginate di entrare in un frullatore senza tappo e in una macchina del tempo con i controlli danneggiati, ecco, questo è quello che troverete in questo pazzesco e splendido album.

Si passa dai Gentle Giant ai Mr Bungle, agli Echolyn, a Frank Zappa, ma niente somiglia a niente; forti sono gli accenni o gli ammiccamenti al mondo conosciuto del progressive più coriaceo o al suono caratteristico della mitica Cuneiform, ma i Bubblemath, nonostante i tanti rimandi musicali, hanno dalla loro una tale e spiccata personalità artistica che gli permette di spingere la creatività e la tecnica oltre la…
Leggi l’intero articolo su: http://www.princefaster.it/bubblemath-e-il-capolavoro-edit-peptide-recensione/



Altri post che ti piaceranno:

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *